fbpx
Home col sorriso sulle Marche Contrasto Zero, Mister Fantastic e il Moscow Mule

Drinking with L. A.  un drink con Alessandra Lumachelli

Si chiamano Contrasto Zero, provengono tutti e quattro dal territorio maceratese, il loro progetto è nato nel 2014. Sono Diego Rubiconti (chitarra e voce), Serena Freddo (batteria), Alessandra Catalini (basso) e Stefano Morroni (chitarra). Risponde per loro Diego Rubiconti.

Io: Se foste supereroi, che supereroi sareste e che superpoteri avreste?
Diego: Saremmo Mister Fantastic, perché ha il dono dell’elasticità. Infatti, la nostra forza è stata quella di essere sempre presenti, elastici, non ci siamo mai rotti. Non ci siamo mai piegati alle difficoltà, perché portare avanti un progetto di musica inedita al giorno d’oggi non è una cosa facile. Il nostro punto forte è stato quello di essere stati elastici nel corso degli anni.

Io: Se aveste la macchina del tempo, dove andreste?
Diego: La spegneremmo. Perché la vita che si vive nel momento presente è la cosa più importante. Non ci sarebbe gusto, già sapendo che fra 4 anni vivremmo qualcosa.

Io: La scelta del vostro tipo di musica è stata diretta? O avete fatto dei tentativi, cambiando generi?
Diego: Sì, abbiamo cambiato molto. Come dicevo, siamo stati molto elastici! Addirittura a 15 anni io ho iniziato con il Metal, che è un genere che non c’entra nulla con ciò che scrivo ora. Scrivo e faccio musica non perché è bello, ma perché è necessario per me. Ci sono tanti artisti che mi piacciono, ma non mi ispiro ad alcuno in particolare. Perché quando scrivo, lo faccio con il mio sentire. Non mi ispiro a nessuno in quel momento, anche se ho avuto tante influenze, per forza.

Io: Il vostro drink preferito?
Diego: Il Moscow Mule. Perché ha lo zenzero. Ed io curo molto la voce, essendo anche insegnante di canto.

Io: Cosa potete fare per salvare o per migliorare il mondo?
Diego: Io credo che una caratteristica del musicista sia, prima di saper suonare, saper ascoltare. E credo che, se nel mondo ci fosse più ascolto, le cose andrebbero meglio. Quindi, per salvare il mondo serve più ascolto.

Perciò, sorseggiando un drink, mettiamoci in ascolto, Amici, non solo di buona musica, ma anche delle parole e dei sentimenti che aleggiano intorno a noi. Con l’augurio di infinita armonia. Alla prossima!

Seguici:

Leave a Reply

COL SORRISO SULLE MARCHE

Giovedì 27 settembre, dalle ore 19:30, a Civitanova, presso “Il Vittoriano”, in corso Umberto I, al num. 188, inizia la rassegna “Aperiarte”, una serie...
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial