fbpx
Home Musica Medici rock per aprire il cuore alla solidarietà

Door to balloon time è, leggo in una slide di un congresso di cardiologia, il tempo che intercorre dal momento il cui il paziente ha il primo contatto con il personale sanitario di un ospedale e il momento in cui si effettua il primo gonfiaggio del palloncino in corrispondenza dell’occlusione coronarica responsabile dell’infarto”. Doors to Balloon (D2B), invece, è un gruppo musicale composto da 5 cardiologi e un medico del lavoro che suonano da decenni con grande passione a quale sempre cattura il pubblico e spesso artisti professionisti e stars. Il ricavato delle loro performances va a finanziare progetti solidali molto interessanti. E’ formato da Alberto Benassi (organo Hammond), Raffaele Sabatini (piano e tastiere), Fabio Tarantino (chitarra solista e cori) e Carlo Tumscitz (basso e cori) e due marchigiani, Andrea Santarelli di San Benedetto del Tronto (voce solista e chitarra ritmica) e Paolo Galli di Macerata (batteria e cori). A quest’ultimo, che dopo il liceo scientifico nella città natale si è per laureato in Medicina a Bologna; che attualmente è direttore dell’U.O. di Medicina del Lavoro a Imola; che non ha mai abbandonato l’amore per le percussioni, ho chiesto: come è nato questo gruppo musicale?

“Nel 2008 ho incontrato Fabio Tarantino, cardiologo musicista con gusti affini ai miei il quale insieme ad un altro cardiologo, Andrea Santarelli, stava fondando i Doors to Balloon (D”B). Decisi di unirmi all’avventura e da allora ci esibiamo nei convegni medici, a feste di piazza. Spesso suoniamo in posti impensabili per musicisti dilettanti: il Porretta Soul Festival, il Teatro Pavarotti di Modena, il Pala De Andrè di Ravenna, la Sala del Maggior Consiglio del Palazzo Ducale e la tensostruttura di Renzo Piano a Genova. Nel 2010 abbiamo fiondato l’associazione no profit, la Heart & Music for Life (H&M4L), finalizzata alla promozione della cultura musicale e alla realizzazione di progetti umanitari attraverso i proventi provenienti da erogazioni liberali. Nel 2011 attraverso l’Associazione Gocce di Bologna abbiamo donato un’incubatrice all’Unità di neonatologia del Saint Francis Hospital della città di Ifakara, in Tanzania. Nel 2012 abbiamo consegnato due lavagne LIM al Polo Scolastico di Medolla, cittadina gravemente colpita dal terremoto. Attualmente H&M4L e Associazione GOCCE collaboriamo nuovamente per la realizzazione di un sistema di telemedicina a servizio delle popolazioni di alcune regioni africane”.


Info: doorstoballoon@gmail.it

 

 

Paola Olmi

Tratto dal n’3 (2014) di MG Marcheguida

 

 


 

Seguici:

Leave a Reply

COL SORRISO SULLE MARCHE

I fratelli Max e Francesco Morini, autori teatrali e televisivi, che dirigono da più di dieci anni l’Accademia del Comico di Roma, tornano in...
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial