fbpx
Home Arte “Mezzadria Stories”, un progetto di storia orale

Dalla passione di un ricercatore di storia orale, con nonni contadini, nasce nel Piceno il progetto che salva la memoria degli ultimi mezzadri delle Marche: “Mezzadria Stories”.

«Mio padre mi mandava a “scontare” presso altri contadini il lavoro che questi avevano prima svolto per noi. Ricordo che una volta mi mandò a vendemmiare. A pranzo mi passarono l’insalata e ci aggiunsero tre alici. Ma poi una se la ripresero perché, dissero, solo gli uomini potevano averne tre: a me, che ero una donna, ne spettavano solo due».

A parlare è Maria, oggi settantenne, figlia di una famiglia mezzadrile del Piceno. A intervistarla, raccogliendone la storia di vita, è Gianluca Vagnarelli, appassionato ricercatore di storia orale e fondatore della start-upi-strategies”, specializzata nella salvaguardia e promozione del Cultural Heritage.

«Ho iniziato circa vent’anni fa – dice Gianluca -, raccogliendo con un piccolo registratore i ricordi di mio padre e dei miei zii, tutti nati in una famiglia mezzadrile di Monteprandone. Poi la ricerca si è estesa all’intera provincia di Ascoli Piceno. Quello che mi ha spinto è stato, da un lato, la volontà di non disperdere la memoria di quel periodo, che era anche la memoria della mia famiglia e, dall’altro, la convinzione che non si possono davvero comprendere le Marche e i marchigiani se non si conosce la loro plurisecolare civiltà rurale».

Le testimonianze di Maria, e di più di altri cento ex mezzadri, sono state raccolte in quindici diversi comuni del Piceno e il progetto è stato selezionato dal Ministero dei Beni e delle attività Culturali per il calendario ufficiale degli eventi dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018.

“Mezzadria Stories”, gli obiettivi del progetto

Il progetto ha due ulteriori obiettivi:

Far conoscere il Piceno e le Marche attraverso il loro ricco ed emozionate patrimonio culturale intangibile. Nel corso dell’estate 2018 più di 200 turisti hanno partecipato alle visite guidate alle case coloniche organizzate da Mezzadria Stories.

•L’altro obiettivo è quello di recuperare il ricco patrimonio di valori e pratiche etiche della civiltà mezzadrile. Accanto a dure condizioni di lavoro e profonde ingiustizie sociali, la mezzadria è stata portatrice anche di valori positivi che vanno recuperati: sviluppo sostenibile, biodinamicità, sharing economy, social eating, sembrano concetti molto attuali, in realtà richiamano pratiche e sensibilità che appartenevano già al mondo dei mezzadri.

Mezzadria Stories è sostenuto da Ciù Ciù Vini e patrocinato dall’Università di Macerata e dall’Istituto per la Storia del Movimento di Liberazione delle Marche.

Maggiori informazioni: 

Video: https://www.youtube.com/watch?v=E6_GSmgyzms&t=6s

pagina Facebook:  “Mezzadria Stories”

Contatti: Gianluca Vagnarelli

Mail: gianluca@i-strategies.it

Mobile: +39.328.7440451

Seguici:

Leave a Reply

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial