fbpx
Home Spettacolo Si apre il sipario per la platea delle Marche

Si apre il sipario per la platea delle Marche, con l’AMAT al via una nuova, ricca e lunga stagione di spettacolo dal vivo nella regione dei “cento teatri”, un viaggio con più di 750 tappe (768 gli spettacoli della scorsa stagione) nelle migliori esperienze nazionali e internazionali destinate a un pubblico sempre più vasto che sfiora ormai le 200.000 presenze (194.282 i biglietti venduti nella scorsa stagione). Ascoli Piceno, Civitanova Manche, Fabriano, Fano, Fermo, Macerata, Pesaro, San Benedetto del Tronto, Senigallia, Recanati, Camerino, Urbino, Osimo, Jesi, Sant’Elpidio a Mare, Porto San Giorgio, San Severino, Maiolati Spontini, Corinaldo, Chiaravalle, Tolentino, Pollenza, Montemarciano, tanti altri teatri piccoli e grandi rendono unica e speciale l’esperienza teatrale, un’avventura vitale dai mille colori.

AMAT, soggetto che cura la formazione del pubblico e la distribuzione di spettacolo nelle Marche dal 1976, per la sua natura di organismo associativo di vasta scala (Regione Marche, 72 Comuni, Conservatorio Rossini di Pesaro, Conservatorio Pergolesi di Fermo e Azienda Teatri di Civitanova) è uno dei principali elementi del sistema dello spettacolo dal vivo nella regione, forte degli storici riconoscimenti ministeriali per il teatro (dal 1979), la danza (dal 1999), la musica (dal 2015) e il circo (dal 2018). La trasformazione in “Circuito Regionale Multidisciplinare”, avvenuta nel 2015, ha consentito di affrontare con competenza e passione una nuova avventura, grazie alla propria tradizione e alla rete consolidata di luoghi unici, vivificata dall’attenzione crescente di un pubblico partecipe per tutte le arti della scena.

Grandi classici, nuovi linguaggi della ricerca, danza, nuovo circo e musica animano la proposta teatrale delle Marche che offre tante occasioni di incontro – impossibile citarle tutte – con imperdibili capolavori e il lavoro di Maestri della scena come Pier Luigi Pizzi, Emma Dante, Giorgio Barberio Corsetti, Valerio Binasco, Ferzan Ozpetek e beniamini del pubblico tra i quali Franco Branciaroli, Massimo De Francovich, Maria Paiato, Mariangela D’Abbraccio, Daniele Pecci, Alessio Boni, Serra Yilmaz, Lello Arena, Massimo Lopez e Tullio Solenghi, Francesco Pannofino, Paola Minaccioni, Arturo Brachetti, Alessandro Baricco, Alessandro Preziosi, la geniale Familie Flöz e tanti altri.

Ricca anche la proposta di danza che va sotto il nome di Danzando per le Marche e di circo contemporaneo che va sotto il nome di Circo in circuito con, tra gli altri, il Balletto di Roma, Kataklò, Aterballetto, Cristiana Morganti, l’onirico Theatre Circus Elysium e gli scatenati The Black Blues Brothers. Tanti anche gli appuntamenti musicali che animano Playlist Marche, rassegna regionale che attraversa il panorama italiano e internazionale tra l’indie, il jazz, la classica e le espressioni più contemporanee con, tra gli altri, Joan As Police Woman, La Crus, Bungaro, Cristina Donà e Steve Gadd Trio. Non mancano poi le tante proposte per la famiglia con le migliori espressioni del teatro per ragazzi che propongono i vari linguaggi della scena con spettacoli, letture ad alta voce, laboratori, mostre e tante altre sorprese per grandi e piccini.

Info e programmi completi su: www.amatmarche.net.

Oltre ai tradizionali spettacoli, festival e rassegne AMAT promuove e cura anche progetti speciali e internazionali, progetti di residenza nell’ambito del teatro e della danza e iniziative a favore della creatività giovanile come AMAT per Marche volta ad artisti, operatori culturali, associazioni, organizzatori e produttori che necessitano di un sostegno non solo economico ma anche di partenariato tecnico per lo sviluppo della propria attività. Particolare attenzione è volta alla promozione e formazione del pubblico, allo scopo di fornire valide occasioni di svago e divertimento, sviluppare momenti di aggregazione e innescare nuove modalità di relazione indispensabili per sostenere il benessere socio-economico dell’intera comunità.

Tra i progetti più significativi ricordiamo: AMATo abbonato card, una card gratuita per partecipare a estrazioni-premio, riduzioni sui biglietti e continue sorprese; AMAT _ young card per chi ha meno di 30 anni una card gratuita per estrazioni-premio, punti per riduzioni, ingressi gratuiti e iniziative ad hoc, Scuola di Platea® per avvicinare gli studenti degli istituti superiori al teatro con un percorso in tre tappe che prevede la presentazione del testo agli studenti, la visione dello spettacolo e l’incontro con le compagnie; incontri con il pubblico che accompagnano lo spettacolo per tutti coloro che amano il teatro e vogliono approfondire la conoscenza dialogando con gli attori in scena; master class gratuite per iscritti a scuole di danze con coreografi professionisti.

Altra pratica di AMAT diventata ormai consuetudine è la cogestione con i Comuni di una serie di importanti spazi teatrali della regione – teatri di Fabriano, Pesaro, Porto Sant’Elpidio, Recanati, Tolentino e Urbino – allo scopo di rendere sempre più funzionali le strutture nell’accoglienza dei diversi soggetti che vi si trovano a operare.

AMAT inoltre da anni è soggetto attuatore di molti progetti europei nel campo dello spettacolo dal vivo. Attualmente ne ha attivi due: Craft nell’ambito di Erasmus+ e Sparse (Supporting & Promoting Arts in Rural Settlements of Europe) nell’ambito di Europa Creativa.

Per il terzo anno torna anche AbitiAMO le Marche – progetto promosso da MiBACT, AMAT e Consorzio Marche Spettacolo con i Comuni del territorio nell’ambito di Marche inVita. Lo spettacolo dal vivo per la rinascita dal sisma – che intende sostenere la ricostruzione per le comunità colpite dal sisma nella consapevolezza del ruolo primario che la cultura può svolgere per favorire la coesione.

Seguici:

Leave a Reply

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial