fbpx
Home Curiosità Un’azienda illuminata

La Light Impianti una piccola azienda capace di grandi soluzioni.

Michele e Jonathan sono due ragazzi di trent’anni (per me sono ragazzi) che dopo oltre un decennio di esperienze maturate presso una grande azienda hanno deciso, tre anni fa, di mettersi in proprio e fondare la loro ditta di servizi. La loro specializzazione in qualità di tecnici è l’installazione di sistemi elettrici e elettronici a uso civile e industriale. Qualche tempo fa ho avuto modo di andarli a visitare presso la loro sede di Belforte del Chienti e scambiare quattro chiacchiere in merito all’evoluzione tecnologica del settore. Da quella conversazione è emerso quanto ancora sia dilagante la disinformazione a proposito di tutti quegli aspetti positivi che la tecnica ha messo a disposizione da decenni e che i più ignorano. È risaputo che la nostra società tende a privilegiare (telefonini, pc, auto), quando invece sarebbe molto più saggio adottare quell’innovazione che la scienza ci offre per migliorare la qualità della vita. Una di queste opportunità tecnologiche è la Domotica. Questa ricerca applicata ci permette di computerizzare tutte quelle funzioni che sono allacciate alla rete e che normalmente dobbiamo azionare singolarmente di volta in volta. Le centraline concedono la più vasta programmazione con enormi benefici a nostro comfort e alla nostra sicurezza; i sistemi automatizzati infatti danno la possibilità al padrone di casa di impostare le varie funzioni di tutte le apparecchiature elettriche e elettroniche a seconda delle esigenze, e in più offrono un costante check up sul corretto funzionamento dei sistemi. C’è inoltre da considerare che l’installazione di questi circuiti avanzati permette un notevole risparmio nella spesa di cavi elettrici, poiché con solo due fili possiamo adottare tutti gli interruttori che vogliamo. Le innovazione esistono ma purtroppo in Italia la cultura tecnico-scientifica lascia spesso a desiderare e tutto questo si traduce in un dispendio energetico, dunque economico. La ricerca è in continua evoluzione ma, se non la seguiamo, è come lamentarsi di fare un lungo percorso a piedi solo perché non abbiamo voluto acquistare il biglietto del treno.

 

 

Massimo Pigliapoco “Mamo”

Tratto dal n’1 (2014) di MG Marcheguida

 


 

Seguici:

Leave a Reply

COL SORRISO SULLE MARCHE

Drinking with L. A.  un drink con Alessandra Lumachelli Si chiamano Contrasto Zero, provengono tutti e quattro dal territorio maceratese, il loro progetto è nato...
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial